lunedì 1 dicembre 2008

FACING NEW YORK - Get Hot (2008)



Nella loro pagina MySpace i Facing New York citano tra le loro influenze Yes e Gentle Giant e quindi come non essere incuriositi da questa band proveniente dalla Bay Area di San Francisco. A tre anni dall'omonimo esordio Eric Frederic (chitarra, tastiere, voce), Omar Cuellar (batteria, voce) e Brandon Canchola (basso, voce) hanno perso per strada l'apporto fondamentale del chitarrista Matt Fazzi e del tastierista Rene Carranza.

Get Hot però non sembra soffrirne più di tanto e le brevi canzoni vogliono conciliare il lato selvaggio dei Police con la levigata compostezza soul dei Steely Dan, anch'essi citati come fonte di ispirazione. Si nota poi una certa somiglianza anche con i coevi Mutemath, anche loro debitori della band di Sting. Ad ogni modo Get Hot è un'opera piacevole, breve purtroppo (solo 38 minuti e in questo si che sono simili ai Gentle Giant!) e che il neo trio costruisce attorno ai ritmi, forse per sopperire alla defezione di Fazzi e Carranza, delegando a Cuellar lo status di "direttore responsabile".

Già dall'iniziale e ironica Cops on Bikes ("Cops on bikes, well I got a bike too, how gonna bust me when I'm faster than you?") entrano in scena solo voce e un "giro" di batteria. Ma più che i tamburi di Cuellar è proprio il lavoro studiato nella ritmica che assume il ruolo principale, portato all'apice nel battito stomp di mani e piedi in All A This. Anche la propulsione del riff di Give Love o il tribalismo di Man Up sono creati pensando ai beat primordiali della black music. Oppure quando la batteria fa da linea guida nelle involuzioni di Comin Up, Cuellar porta il gruppo ad essere trainato più che dalla sua batteria, dalla forza preponderante della ritmica. Diciamo che la filosofia dell'album la può riassumere la miniatura della title track (40 secondi) con quella cadenza sbilenca da coro da strada. Ad avvicinarmi al gruppo è comunque stato Gesture, un pezzo che con i suoi cambi di atmosfera è paragonabile ai Gentle Giant che suonano punk!

Nessun commento: