mercoledì 28 marzo 2012

O'Brother - Garden Window (2012)


Avevo già ascoltato Garden Window, il disco d'esordio degli O'Brother, ma non mi aveva lasciato particolarmente impressionato. Dopo che l'ex leader degli Oceansize Mike Vennart lo ha caldamente consigliato ho deciso di tornarci sopra e risporverarlo. In effetti la ferocia elettrica di In Malum, la traccia che apre l'album, ha più di qualche punto in comune con la band di Manchester. L'alternative rock degli O'Brother ha quel retrogusto psichedelico applicato all'aggressività profusa da fuzz, feedback e muri di distorsione in continua crescita e tensione (Lay Down). Il tutto va a sublimarsi nella brutalità di Machines Part I e negli ansiosi quattordici minuti di Cleanse Me che portano all'eccesso le idee della band.

Non aspettatevi però la stessa complessità quasi cervellotica che gli Oceansize applicavano ai loro brani. L'urgenza espressiva degli O'Brother in questo caso è maggiormente diretta e sanguigna, ma sempre carica di quelle inesorabili bordate elettrificate. Poi troviamo anche brani intrisi di malinconia, come la bellissima Easy Talk o Last Breath, dove sembra di ritrovare, tra riverberi e astrazioni lisergiche, l'epos del cantautorato americano dei The Dear Hunter e degli House of Fools. Garden Window è un'opera forse ancora acerba, ma i margini per migliorare ci sono.

O'Brother - Lo by favoritegentlemen



http://www.beneathyourgardenwindow.com/

lunedì 26 marzo 2012

The Fierce & the Dead - On VHS (2012)


Il chitarrista Matt Stevens, oltre ad avere all'attivo una carriera solista, fa parte del quartetto The Fierce & the Dead, insieme a Stuart Marshall, Kev Feazey e Steve Cleaton. Dopo l'album di debutto dell'anno scorso, arriva questo EP di quattro tracce che negli intenti è molto simile agli esperimenti post-minimal-rock a base di chitarra di lavori come Ghost o Relic. La differenza è che qui a sostenere le digressioni psichedeliche della chitarra di Stevens, c'è un gruppo.


For some time now The Fierce And The Dead have been garnering a reputation as one of London’s foremost instrumental rock outfits and last year’s brilliantly titled full length debut, 'If It Carries On Like This We Are Moving To Morecambe’, drew critical acclaim both online and in the print press.

They have swiftly followed that up with the ‘On VHS’ EP which takes the template laid down by ‘Morecambe’, tears it up, turns everything up to 11 and starts scaring the children.

The Fierce & The Dead came about from a recording experiment that was initially intended for solo guitar wunderkind Matt Stevens' second solo album, but it started to grow legs and arms and evolved into its own animal.

The new EP is the first recording from the band as a four piece and comes off the back of a string of successful live shows in 2011. The result is a more expansive, heavier sound with greater dynamism and focus that shows not only a progression but a definite step up in their musical aims.


http://www.fierceandthedead.com/

giovedì 22 marzo 2012

Anywhere - Anywhere (2012)

Anywhere è un nuovo supergruppo fondato dal chitarrista Christian Eric Beaulieu della band Triclops! insieme a Cedric Bixler-Zavala (voce, batteria) con l'aggiunta del leggendario bassista Mike Watt (minuteman, fIREHOSE) e l'ospite alla voce Rachel Fannan (ex-Sleepy Sun). Dopo aver realizzato due singoli a 7", pubblicheranno l'omonimo album di debutto il 14 maggio via ATP Recordings. L'album avrà una speciale pubblicazione per il Record Store Day il 21 aprile, con un'edizione limitata in 500 copie di vinile colorato. Intanto è possibile ascoltare la title-track:

Anywhere - Anywhere by All Tomorrows Parties

Tracklist:

1. Pyramid Mirrors
2. Rosa Rugosa
3. Khamsin
4. Dead Golden West
5. Anywhere
6. Shaman Mantra
7. Infrared Moses

BIO:
Anywhere began as a LA/SF collaborative project started by musicians Christian Eric Beaulieu and Cedric Bixler Zavala. Fresh off years of writing and touring as co-founder of Bay Area acid punk extremists Triclops!, Christian decided to immerse himself in the resonant universe of acoustic guitar and began performing solo under the moniker Liquid Indian. In early 2010 while in Los Angeles to perform at an art opening of mutual friend artist Sonny Kay, he befriended Cedric (singer of The Mars Volta) who was a DJ for the event. The two exchanged numbers and planned to record something acoustic rooted in the open tuning, eastern raga style Christian was delving into. Months later the pair met in Los Angeles, enlisted the mobile engineering talent of Toshi Kasai (Big Business) and tracked the new material in 2 days at The Melvins practice space in downtown Los Angeles. During that same visit Christian played live on "The Watt from Pedro Show" as the musical guest of Mike Watt (of The Stooges, fIREHOSE, Minutemen).

After the show before leaving San Pedro, Christian realized they needed bass for the recordings and boldly asked Watt if he'd contribute. Watt agreed immediately and a few months later delivered the entire projects bass tracks. Returning to San Francisco, Christian decided to reach out to vocalist Rachel Fannan, who had recently parted ways with Bay Area psych rockers Sleepy Sun and had relocated to Los Angeles. Having never met Christian before, Rachel generously contributed vocals to two of the songs, while Cedric performed vocals on three tracks leaving the rest to exist as instrumentals.
While searching for a label to release the album, Christian solicited the talent of SF psychedelic poster artist Alan Forbes. During a meeting to discuss art concepts, Alan revealed that he, along with his Secret Serpents business partner Justin Mcneal, had started a label called Valley King Records. They agreed to release a pair of singles as a series of limited edition silk-screened cover 7"s, all signed and hand numbered by Forbes.

The music captured on this material is an ethereal, resonant execution of what could be described as eastern acoustic punk. Likened to the voyeurism of Sandy Bull, Sir Richard Bishop, or Jack Rose style raga's reinterpreted at times with Drive Like Jehu, Minutemen punk velocity, other moments emotionally spiraling toward a haunting, ethereal beauty akin to Vashti Bunyan lost in the desert of a desolate western. Blending acoustic and minimal electric guitars with a multitude of percussion instrumentation, digital tabla machines, sci fi electronics and feedback, this avant garde collective of envelope pushing splatter artists have created a new presence. Modern mantras of electric silence that fuse consciousness into a recording of vibrant, transitional material, blending geographic as well as cultural diversity. The sound of stillness amidst chaos, light below the depths, dancing full circle into the center of what could only be called Anywhere.

Hollow Branches - Okanagana Waves (2012)



Okanagana Waves è l'album d'esordio del duo composto da Robert Osgood (voce, chitarra, sound design, testi) e Marius Sjøli (tastiere, chitarra, voce, sound design) sotto il nome Hollow Branches. Le tinte di Okanagana Waves sono molto dark e autunnali ed è un album al quale conviene avvicinarsi con il giusto stato d'animo. Non mancano sonorità suggestive date dall'incontro tra folk ed elettronica, mentre le brumose e depresse armonie vocali rimandano al prog scandinavo dei Landberk e agli spazi ambient rock degli Anathema. I toni cerimoniali di alcuni brani come Travelers e Pareidolia possono far pensare anche la psichedelia dei tardi anni '60, quando i Pink Floyd iniziavano a muovere i primi passi. Quella degli Hollow Branches è un'estetica bucolica tutt'altro che idilliaca che verrebbe quasi da catalogare come folk doom.


Hollow Branches first full length album, "Okanagana Waves" is now available digitally at http://hollowbranches.bandcamp.com/
A beautiful limited edition digipak with an 8 page booklet and professionally duplicated CD has also just been released.

Introduced via their record label, Audio Savant, in 2005, Robert Osgood and Marius Sjøli quickly realized their shared musical vision. A short while later they began collaborating on Robert’s recently minted project, Hollow Branches. In 2009, with the assistance of Jason Walton (Agalloch) on bass, Hollow Branches released the “Words are Fire” and “Anchored in Sleep” EPs, with a short 10 month gap between releases. Both self-released EPs were downloaded hundreds of times and received favorable reviews in publications such as Scratch the Surface, The Dreaded Press, and Absolute Zero.

Writing for their first full length album, “Okanagana Waves”, began immediately following
completion of “Anchored in Sleep,” with primary recording wrapping in July 2010 when Robert travelled to Norway to track vocals and guitar at Sjøli Studio. While ten songs were written, only seven made the final cut. The music was kept comparatively sparse, with less overdubs and tracks used than on the two previous EPs. A year passed before bass was finally recorded, with Mathew Kennedy (Phideaux) lending his talents, and bringing an entirely new element to the sound. Featured on the title track, is T.E. Moore, of the University of Michigan Museum of Zoology, who provided a recording of an Okanagana Bella cicada, he made in the field in 1965. The cicada features prominently in the albums audio/visual aesthetic.

Musically, “Okanagana Waves” takes influence from progressive rock, dark ambient, and neo-folk, while exploring themes as diverse as anxiety, skepticism, and the indifferent beauty of nature.

Video preview from 4 of the albums 7 tracks can be found here:


lunedì 19 marzo 2012

IT BITES - Map of the Past (2012)


Map of the Past arriva a ben quattro anni di distanza da The Tall Ships, album che segnò il ritorno degli It Bites dopo il loro scioglimento diciotto anni prima. Ma la riformazione degli It Bites non andrebbe vista come una semplice reunion nostalgica (e non solo perché Francis Dunnery non vi ha preso parte); gli It Bites del presente sono effettivamente una band diversa con un percorso musicale totalmente rinnovato. E ci mancherebbe, visto che il loro pop prog sarebbe stato alquanto anacronistico di questi tempi. Il rinnovamento è passato attraverso i Kino che poi si sono evoluti in questa nuova incarnazione degli It Bites.

Il merito di questa ritrovata armonia compositiva penso vada attribuita all'attuale front man John Mitchell (chitarrista, cantante, autore e produttore), responsabile di aver portato nuova linfa musicale ai membri storici Lee Pomeroy, John Beck e Bob Dalton. Da tempo sostengo che la figura di Mitchell è una delle più importanti e rilevanti nell'odierno panorama progressivo inglese. A parte i suoi trascorsi negli Arena e nella alternative rock band The Urbane, il contributo di Mitchell ai progetti a cui ha preso parte è sempre stato di alto profilo, sia quando deve sottostare alla direzione di altri (nei Frost* di Jem Godfrey), sia quando è un membro attivo (Kino e It Bites).

Map of the Past è un concept album che prende le mosse da alcune vecchie foto di famiglia ritrovate dal protagonista che divengono a loro volta il pretesto per raccontare un pezzo di storia della Gran Bretagna. Messo in questi termini ci si aspetta qualcosa di grandioso e pomposo, ma gli It Bites riescono a rimanere umili con dei brani più riflessivi e meno avventurosi rispetto a quelli di The Tall Ships, ma non per questo meno emozionanti.

Man in the Photograph, con il suono di organo quasi cerimoniale, funge da introduzione e lascia ben presto lo spazio al rock diretto di Wallflower. Di seguito arriva il primo pezzo da novanta che è la title-track che riporta quel gustoso progressive pop che aveva segnato le migliori pagine di The Tall Ships. Altrettanto fanno Clocks, Flag e The Big Machine. La chitarra di Mitchell è appassionata come non mai, tanto nei dolci arpeggi quanto nei solismi. Cartoon Graveyard, Meadow and the Stream e Send No Flowers sono un buon compromesso tra la teatralità dei Genesis degli anni '70 e quelli art rock degli anni '80, con Beck impegnato in passaggi di organo che ricordano proprio il lavoro di Tony Banks. L'album non potrebbe avere chiusura migliore con The Last Goodbye, che fin da ora si candida ad essere una delle migliori canzoni dell'anno, una rock ballad altamente coinvolgente nella sua liricità armoniosa, interpretata con gran classe dalla calda voce di Mitchell che si porta a casa l'ennesimo assolo da favola. Verrebbe da dire che bastano questo pezzo e la title-track per apprezzare Map of the Past, ma il lavoro nel suo complesso offre dei buoni spunti melodici.

www.itbites.com

sabato 17 marzo 2012

Kimbra - FUSE Live (Live @ The Fader Fort, SXSW)

In questi giorni il singolo di Gotye Somebody That I Used to Know sta avendo un buon airplay radiofonico, a poca distanza dall'uscita italiana dell'album Making Mirrors. Nella suddetta canzone Gotye è accompagnato dalla cantante neozelandese Kimbra che avevo già segnalato in questo blog quando ancora stava registrando i demo per il suo primo album. Vows, questo il titolo, è uscito lo scorso setembre in Australia, anticipato dal singolo Settle Down, e il 22 maggio uscirà negli USA.
Intanto Kimbra ha partecipato al festival SXSW, che si svolge in Texas, e questa è la sua incredibile esibizione di ieri.


venerdì 16 marzo 2012

Culprit - Analogue EP (2011)


Stavo ascoltando di nuovo questo EP uscito nell'aprile dello scorso anno e mi sono accorto che non lo avevo menzionato nel blog, ma solo fuggevolmente segnalato su Twitter. I Culprit mi sono tornati in mente perchè tra poco saranno in tour con i Children of Nova e mi sembrava giusto dare spazio al loro EP di esordio che potete ascoltare di seguito.
L'alternative rock dei Culprit assomiglia a quanto fatto da band come Circa Survive, As Tall As Lions e Emarosa, ma comunque credo che i margini per un esordio dai contorni più maturi ci siano.



http://www.whatisculprit.com/

martedì 13 marzo 2012

ANATHEMA - Weather Systems (2012)


Dopo neo prog, progressive metal e nu prog, negli ultimi tempi ricorre un "nuovo" sottogenere che in molti hanno autorevolmente certificato come "post progressive". Di sicuro questo ennesimo filone farà la felicità di chi non vuole assolutamente sentir parlare di etichette o catalogazioni. Ma soprattutto di quei fan intransigenti del prog rock che notoriamente accolgono una nuova contaminazione con lo stesso calore di un mastino che ringhia verso uno sconosciuto di fronte al cancello di casa del suo padrone (si veda l'avversione nei confronti del prog metal).

Ma chi siamo noi per andare contro i voleri delle etichette (in senso di label) o della stampa? Anche loro non hanno vita facile nel dover presentare un prodotto a chi non ne ha mai sentito parlare. In certi casi, quindi, non disdegno l'uso di classificazioni, anche se ci sarebbe da discutere, ma l'ultima cosa che sono è un purista. Non biasimo queste scelte che ad alcuni possono apparire semplicistiche e superficiali, poiché si deve capire che, per dare un'idea immediata, anche vaga, del tipo di musica prodotta da una band che non si conosce direttamente, è più facile ricorrere a due parole piuttosto che a una descrizione dettagliata.

L'etichetta Kscope si è imposta sul mercato musicale proprio come leader nella proposta di tali gruppi, tra i quali citiamo Pineapple Thief, Gazpacho, North Atlantic Oscillation e gli Anathema appunto. Volendo, comunque, un fondo di pertinenza all'utilizzo del prefisso "post" è contestualizzabile in quanto queste band (alle quali aggiungerei Pure Reason Revolution, Mew, Oceansize e Dredg) uniscono indie rock, ambient, progressive, elettronica e le rivestono di un'estetica affine alla corrente musicale colta del minimalismo. In tal senso si tratta di cellule tematiche reiterate per quasi tutto il brano, con piccole aggiunte o variazioni, meglio se sviluppate attraverso dei crescendo emozionali. Il più delle volte il continuum sonoro è edificato da bordoni (o droni) stratificati di chitarre distorte, che però non hanno nulla a che vedere con l'aggressività del metal, ma creano piuttosto un'atmosfera lisergica (i campioni del genere direi che sono i North Atlantic Oscillation).



Questo per quanto riguarda la parte generale, ma ora veniamo agli Anathema per i quali si possono tenere a mente le premesse esposte sopra. Il precedente lavoro We're Here Because We're Here mi aveva convinto a metà, letteralmente dato che nella seconda parte perdeva il filo del discorso. Il salto di qualità fatto con Weather Systems è invece alquanto notevole. Anch'esso virtualmente divisibile in due parti, risulta però più compatto e diretto con mano sicura. Il primo gruppo di canzoni ha una struttura pressoché simile, dove un'introduzione acustica (di chitarra o piano) ha il compito di esporre il tema portante al quale vengono aggiunti via via gli altri strumenti fino a un magniloquente finale.

Untouchable part 1


Dal punto di vista musicale le protagoniste di Weather Systems sono le dinamiche dei crescendo che marchiano quasi tutti i brani, raggiungendo l'apice su Sunlight, dove fin da subito si insinua l'aspettativa per l'apoteosi conclusiva. Accanto alla consolidata voce di Vincent Cavanagh, colpisce il maggiore spazio concesso alle parti femminili di Lee Douglas che ben si addicono alle atmosfere spesso eteree e malinconiche delle epic ballads degli Anathema. La Douglas brilla nella solenne Lightining Song, dove si possono cogliere delle somiglianze con gli olandesi The Gathering, oppure emoziona quando interpreta con sentito trasporto il controcanto in Untouchable part 2.

La seconda parte dell'album è costituita da brani più lunghi (proprio come accadeva su We're Here Because We're Here), orchestrali e ariosi ed è aperta dalla spiazzante elettronica di The Storm Before the Calm, un po' troppo simile agli ultimi Pure Reason Revolution, che culmina in un finale quasi sinfonico. Ed è quest'ultimo il carattere musicale che domina la melodrammatica The Lost Child, il requiem in chiave rock The Beginning and the End e la celestiale commozione di Internal Landscape, dove vengono toccate delle vette di cristallina purezza melodica. In definitiva è la melodia in ogni sua declinazione epica a farla da padrone, ma tutto l'album è veramente ben fatto e credo che già dai primi ascolti riesca ad appassionare anche gli animi meno post progressivi.

Anathema - The Beginning and the End by Kscope

Tracklist:
1."Untouchable, Part 1" - 6:14
2."Untouchable, Part 2" - 5:33
3."The Gathering of the Clouds" - 3:27
4."Lightning Song" - 5:25
5."Sunlight" - 4:55
6."The Storm Before the Calm" - 9:24
7."The Beginning and the End" - 4:53
8."The Lost Child" - 7:02
9."Internal Landscapes" - 8:52

http://www.anathema.ws/

venerdì 9 marzo 2012

Storm Corrosion rimandato all'8 maggio

Ecco le ultime anticipazioni sull'atteso album della collaborazione tra Steven Wilson e Mikael Åkerfeldt (che sarebbe dovuto uscire il 23 aprile):

Storm Corrosion is the long-discussed and highly anticipated collaboration between two of the modern progressive rock scene's most innovative and multi-talented artists: Mikael Åkerfeldt of Opeth and Porcupine Tree’s Steven Wilson. The pair will release Storm Corrosion on May 8 via Roadrunner Records.

Double-LP Set:
• Limited Edition Double-LP set of the self-titled album with exclusive artwork
• 180-Gram black virgin vinyl in gatefold jacket
• Digital download of high quality Flac files of the entire album
• Autographed 12" x 12" poster of exclusive artwork
• 24" x 36" fold out poster of exclusive artwork

* Please Note that this is a Pre-order and will not ship until the week of Album Release, 5/8.

Track Listing
1. Drag Ropes - 9:52
2. Storm Corrosion - 10:12
3. Hag - 6:28
4. Happy - 4:53
5. Lock Howl - 6:09
6. Ljudet Innan - 10:20

Blu-Ray/CD:
• 5.1 audio mix of entire self-titled album
• 2 exclusive demo tracks
• 5 instrumental tracks
• Storm Corrosion self-titled CD

CD Track List:
1. Drag Ropes 9:52
2. Storm Corrosion 10:12
3. Hag 6:28
4. Happy 4:53
5. Lock Howl 6:09
6. Ljudet Innan 10:20

Blu-Ray Track List:
1. Drag Ropes
2. Storm Corrosion
3. Hag
4. Happy
5. Lock Howl
6. Ljudet Innan
7. Drag Ropes
8. Storm Corrosion
9. Hag
10. Happy
11. Lock Howl
12. Ljudet Innan
13. Drag Ropes (demo)
14. Hag (demo)



L'album avrà due differenti edizioni in LP:

http://merch.roadrunnerrecords.com/storm-corrosion-collector-s-edition-double-lp-set.html

http://merch.roadrunnerrecords.com/storm-corrosion-collector-s-edition-double-lp-set-special-edition-blu-ray-cd-bundle.html

martedì 6 marzo 2012

THE MARS VOLTA - Noctourniquet (2012)


Allora, cominciamo dall'inizio. Noctourniquet è un album che, in teoria, sarebbe potuto uscire un anno fa, poi, imprevisti e intoppi di varia natura, ne hanno procrastinato l'uscita sino al 27 marzo 2012. Proprio questo ritardo ha permesso l'anticipazione dal vivo di molte tracce contenute nel lavoro che sono naturalmente trapelate in rete sotto forma di video, ripresi dal pubblico dei vari concerti. A questo punto è bene avvertire chi avesse già sbirciato le varie registrazioni che circolano sul Tubo di non aspettarsi una resa fedele in studio di quanto sentito.

Infatti Omar Rodriguez-Lopez ha avuto tempo di manipolare e plasmare a suo piacimento il materiale e trasfigurarlo fino quasi a renderlo irriconoscibile. Quello che ne esce è l'opera più eterogenea del gruppo, ma anche la più anarchicamente ambiziosa. Il che non vuol dire che sia la migliore. Noctourniquet riesce a suonare allo stesso tempo simile e diverso da tutto ciò che la band ha fatto in passato. Parafrasando la volpe di Antichrist verrebbe da dire che "il caos regna!". E' un album di equilibri contrastanti che si compensano e annullano a vicenda. Se da una parte si crogiola in sperimentazioni sonore inusuali, dall'altro l'apparato formale è più tradizionale del solito. Se Cedric Bixler è rimarchevole, ma anche ossessivo, nella costante ricerca di una vocalità rinnovata (l'esempio più lampante è il singolo The Malkin Jewel), dall'altra si perde in essa, finendo per penalizzare delle linee melodiche non molto memorabili.

Noctoourniquet si apre con l'abrasiva The Whip Hand, la più ostica tra le 13 tracce. Il nuovo batterista Deantoni Parks si esibisce in ritmiche spezzate, quasi sgraziate, come fosse un bambino al quale è stato appena regalato il suo primo drum kit, mentre i fratelli Rodriuguez-Lopez usano chitarra e sintetizzatori come fossero martelli pneumatici. Aegis è la vera canzone introduttiva che imposta il tono dell'album, misteriosa e seducente come un ibrido tra una colonna sonora di Angelo Badalamenti e l'hard rock dei Led Zeppelin. E' proprio lo spirito di questi ultimi che aleggia in alcune composizioni, piuttosto che il progressive rock, come nell'indiavolato blues di Molochwalker, o nella luciferina Trinkets Pale of Moon (con un arrangiamento radicalmente differente rispetto alla versione presentata dal vivo). All'estremità opposta, a segnare il carattere sperimentale dell'album, troviamo In Absentia, un trip psichedelico e quasi astratto al quale viene incollata una coda da electro rock.

Le folli invenzioni percussive di Parks e l'arsenale di sintetizzatori di Marcel Rodriguez-Lopez sono probabilmente la vera novità di Noctourniquet. I Mars Volta hanno da sempre dato un ruolo prominente a ritmiche sature e virtuose e questa volta riescono a donare un rinnovato impulso a tale aspetto. Su Dyslexicon, Lapochca e la title-track Parks modella i suoi battiti irregolari in funzione dell'elettronica profusa da Rodriguez-Lopez, facendone un tutt'uno incredibilmente omogeneo. Le cose funzionano meno bene su Zed and Two Naughts che vorrebbe alleggerire l'avanguardia con soluzioni più regolari e un ritornello facilmente memorizzabile.

Accanto a pezzi più adrenalinici non manca una varia selezione di ballad: Empty Vessels Make the Loudest Sound è la solita variazione su Televators, Imago ha un vago sapore gitano, mentre Vademalady è la canzone più orecchiabile e cantabile mai scritta dai Mars Volta, insolitamente dolce rispetto al loro temperamento irruento. Alla fine si arriva con l'amaro in bocca, causato da una soddisfazione solo parziale e la sensazione di avere preso parte a un enigma irrisolto. Forse ciò che avrebbe giovato a Noctourniquet è una produzione affidata a una mano esterna. Omar Rodriguez-Lopez avrà tanti pregi, ma farsi carico della produzione non è uno di questi. L'originario spirito trascendentale e dionisiaco della musica dei Mars Volta si nutre di dinamica ed eclettismo, ma la fredda impostazione di Rodriguez-Lopez, album dopo album, l'ha suo malgrado appiattito fino a renderlo terreno e monodimensionale. Anche questo contribuisce a fare di Noctourniquet un lavoro riuscito a metà, ovvero la più classica delle occasioni mancate.

Zed And Two Naughts by The Mars Volta

Tracklist:

1. "The Whip Hand" 4:49
2. "Aegis" 5:11
3. "Dyslexicon" 4:22
4. "Empty Vessels Make the Loudest Sound" 6:43
5. "The Malkin Jewel" 4:44
6. "Lapochka" 4:16
7. "In Absentia" 7:26
8. "Imago" 3:58
9. "Molochwalker" 3:33
10. "Trinkets Pale of Moon" 4:25
11. "Vedamalady" 3:54
12. "Noctourniquet" 5:39
13. "Zed and Two Naughts" 5:36

giovedì 1 marzo 2012

Ristampe maudlin of the Well - "Bath", "Leaving Your Body Map", "Part the Second"


L'etichetta Blood Music, dopo aver ristampato in vinile gli album-capolavoro dei maudlin of the Well Bath e Leaving Your Body Map, ha deciso di ristamparli anche in CD insieme a Part The Second, in un'edizione limitata di 300 copie. I pre-ordini iniziano oggi e la data di pubblicazione è il 13 aprile.

Di seguito il comunicato della label:

Blood Music will be re-releasing maudlin of the Well's classic companion albums: "Bath" and "Leaving Your Body Map" on CD. These CD's have been heavily sought after and long out-of-print for nearly 5 years. Additionally, Blood Music will be releasing for the the first time in CD history: maudlin of the Well's 2009 masterpiece, "Part the Second."

The specs are as follows:

* Each disc will be limited to a run of 300 copies.

* A limited number of copies (75 each) will be hand-signed by Toby Driver.

* All 3 albums will be presented as originally recorded/mastered to preserve sound quality.

* "Bath" and "Leaving Your Body Map" will each have one never-before-heard bonus track from the band's "Begat of the Haunted Oak" demo from 1997.

* The track for "Bath" will be the never-before-heard "The Bleeding Month," motW's early demo version of "Girl with a Watering Can" with alternate male vocals.

* The track for "Leaving Your Body Map" will be the never-before-heard "Banquet of Dis," motW's early psychedelic demo version of "Riseth He, the Numberless 1 & 2"

* Price point is *estimated* at 12 euros shipped per CD worldwide (signed CD's will cost a tiny bit extra).

* Pre-order date will be March 1st.

* Discs will be pressed and shipped by the first week of April.




www.blood-music.com