lunedì 31 maggio 2010

TUBELORD - Our First American Friends (2009)



Vorrei tornare a parlare dei Tubelord, perché se lo meritano, perché sono ancora sconosciuti e hanno bisogno di pubblicità (e nel nostro piccolo li vogliamo promuovere) e soprattutto perché il loro album Our First American Friends è da diverse settimane in heavy rotation nel mio CD player.

Come già detto in precedenza i Tubelord hanno delle affinità con i Biffy Clyro (se avete ascoltato The Vertigo of Bliss e Infinity Land potete farvi un'idea), anche loro sono in tre e compongono delle canzoni brevi ma piene di inventiva. Il loro è un mix di indie rock, alternative, pop, post hardcore e progressive. Insomma si è capito che all'interno di una canzone (e dell'album intero) può succedere di tutto. Parlando di progressive rock puro mi verrebbe quasi da fare il paragone con gli Echolyn di As the World, anche se qui le coordinate musicali sono ben diverse. Quello che è simile è l'approccio intelligente ed imprevedibile alla forma canzone: molteplicità tematiche, assenza di ritornelli o di incisi ricorrenti e una spiccata predilezione per le polifonie vocali. L'attenzione dell'ascoltatore è costantemente messa alla prova attraverso continue sorprese e inaspettate svolte.

Per utilizzare un'espressione efficace e diretta si potrebbe dire "aspettati l'inatteso", dato che accanto a riff aggressivi e ritmiche involute, un momento dopo troviamo collegati dei cori sing-along che a loro volta frenano su quiete atmosfere da ballad. Tutti questi momenti si risolvono però in pochi secondi dato che in tre o quattro minuti si deve passare attraverso ad una grande varietà di situazioni musicali.

Dopo alcuni EP la band ha esordito lo scorso ottobre con Our First American Freinds che, di sicuro, non solo è stato il miglior esordio dell'anno, ma va subito aggiunto alla classifica delle migliori cose del 2009. Non ascoltarlo sarebbe un delitto.






Tubelord-Propeller Music Video from Nicos Livesey on Vimeo.


www.myspace.com/tubelord

venerdì 28 maggio 2010

WONDEROUS STORIES #17 (40)



Free compilation in dowload allegata

SOMMARIO

neWS

Incontri

SIMON PHILLIPS - Superdrumming
Dagli esordi con la band dixieland del padre, al lavoro come turnista in studio e nei principali musical inglesi, la storia di Simon Phillips è di quelle che meritano di essere raccontate. Un viaggio musicale che ha portato il ragazzo londinese a suonare con formazioni e artisti come The Who, Toto, 801, Pete Townshend, Mike Oldfield e tanti altri. In una lunga intervista esclusiva, Simon si sofferma su alcuni episodi significativi della sua carriera e presenta il suo nuovo progetto PSP, che lo vede insieme al bassista Pino Palladino e al tastierista Philippe Saisse...

ALDO TAGLIAPIETRA - C'erano una volta le Orme...
Dire Aldo Tagliapietra è dire Le Orme. Come Peter Hammill per i VdGG, Gabriel per i Genesis, Jon Anderson per gli Yes, Aldo ha alimentato con la sua voce e la sua scrittura la formazione veneta per oltre 40 anni.
Mario Giammetti ha incontrato Tagliapietra in un momento topico, tra uscite antologiche, live e ristampe, ma soprattutto all’indomani della rottura del sodalizio con il batterista Michi Dei Rossi... c’erano una volta Le Orme, verrebbe da dire, anche se la storia in qualche modo continua...

MADE IN ITALY
Una ricognizione nella nuova scena prog rock italiana... including

Moongarden
a) L’ULTIMA MISSIONE LUNARE: A MOONGARDEN STORY
b) MOONTALK : A MOONGARDEN INTERVIEW

G.C. Neri
LA PREGHIERA SONICA DI GIORGIO CESARE NERI

Rubriche

Book of Saturday - La biblioteca musicale di WS

GIANMARIA CONSIGLIO - Il Balletto di Bronzo e l’idea del delirio organizzato
MARCO OLIVOTTO - La musica nel silenzio
RICCARDO STORTI - I Vangeli di Fabrizio De Andrè

Off the map

ALESSIA OBINO - Echoes
COSOTTINI, MIANO MELANI, PISANI - Cardinal
CHLADNI EXPERIMENT TRIO - 5053
NIK COMOGLIO - Acqueforti
STEFANO PASTOR - Chants
IRON KIM STYLE - Same

Over 40 - 1970/2010
E.L.P. - Same

Le notti della Luna Grigio – Rosa
(Cronache di un sogno tra Londra e Canterbury)
a cura di Vincenzo Giorgio

DOUBT - BEPPE CROVELLA - SOFT MACHINE - ANNIE WHITEHEAD - SLAP HAPPY - K SPACE
HOLDSWORTH/PASQUA/WACKERMAN/HASLIP - DIRK MONT CAMPBELL - STEWART/GASKIN - JAKKO JAKSZYK
DIDIER MALHERBE - GONG - CHANCE:RISIKO - BILLY BOTTLE - HOLDEN


AL DI LA' DELLE OLIMPIADI
Nuovi appunti canadesi... featuring Normand Guibeault Ensemble, Pierre Labbè 4tet, Nozen, Cordame,
Ganesh Anandan, Hans Reichel, Charity Chan, Amy Horvey, Lori Feedman, Quasar Quatuor de Saxofones,
Rainer Wiens, Mankind, Ignaz Schick & Martin Tètraoult, Nous Percons Les Oreilles, Lerner/Brubeck/Fraser,
Michel F. Coté & A.Dontigny, Philippe Lauzier e Pierre-Ives Martel, Klaxon Gueule, Tim Brady

Ascolti

AIRPORTMAN - The Road
AJALON - This Good Place
ALGEBRA - JL
APOGEE - Mystery Remains
BFA - I think it’s better to call this number
BIG BIG TRAIN - The Underfall Yard
BIG ROBOT - Aquafit
CANEVALI FRIZZERA - Godzilla In Wonderland
CHEER-ACCIDENT - Fear Draws Misfortune
DAAL - Disorganicorigami
DEAD HEROES CLUB - A Time Of Shadow
DELUGE GRANDER - The Form of the Good
FABRIZIO FEDELE - Brotherhood of the Wine
FIRST BAND FROM OUTER SPACE - The Guitar is Mightier Than the Gun
FLORA - Traiettorie di volano
GARGAMEL - Descending
GIO GENTILE - Atlantide
STEVE HACKETT - Out of the Tunnel’s Mouth
IL CERCHIO D’ORO - Il viaggio di Colombo
JUPITER SOCIETY - Terraform
LEONORA - Electronic Ballads
L’IMBROGLIO - Dis/Integrato
MARILLION - Less is More
N.y.X. - Down in Shadows
LE ORME - Live Orme
G.C. NERI - Logos
LELIO PADOVANI - Electronic Ep
TONY PAGLIUCA - Apres Midi
PENSIERO NOMADE - Tempi migliori
QUASAR LUX SYMPHONIAE - Synopsis
RAVEN SAD - We Are Not Alone
RIVERSIDE - Anno Domini High Definition
SIENA ROOT - Different Realities
SLASH ART 3 - Same
SOLAR ORCHESTRA - Hearts at Dusk
SORELLA MALDESTRA - Maltempo
THE CARPET KNIGHTS - According to life…
THE MARS VOLTA - Octahedron
THIS MISERY GARDEN - Another Great Day on Earth
STEVEN WILSON - Insurgentes


Metal + Progmetal

ATMOSFEAR- Zenith
ECHOES - Nature/Existence
FACTORY OF DREAMS - A Strange Utopia
PRYMARY - The Enemy Inside

Ristampe

TAN ZERO - We Can’t Imagine

http://www.wonderoustories.it/

video

giovedì 27 maggio 2010

Frogg Café - Bateless Edge (2010)


Il quarto album dei Frogg Café è in uscita il 18 giugno. Questo è il comunicato della Band:

Progressive rock band Frog Cafe is pleased to announce the completion of their fourth studio release entitled Bateless Edge. The captivating new record is set to be released on 10T Records on June 18, 2010.

Bateless Edge is a stunning 78-minute statement, described by bassist/composer Andrew Sussman as a "...reflection on incidents revolving around our own personal lives, as well as an integrated and newly formed sound that takes this band into realms that have been unexplored until now." The seeds of Bateless Edge have actually dated back to 2003, when one of the pieces called "Pasta Fazeuhl", composed by co-founder and returning guitarist Frank Camiola, has finally come to fruition after seven years. Frogg Cafe has reworked and resurrected this 14-minute piece and it stands as one of the darkest and most intense musical statements made thus far by this ever-evolving band.

The centerpiece of the album is the nearly 20-minute "Under Wuhu Sun" composed by Andrew Sussman. Sussman explains, "This piece of music is very personal to me and based on true life events surrounding the adoption of our baby girl, and it has taken me nearly a year to get my thoughts into this piece". In this elaborate journey, Frogg Cafe explores textures and an detailed orchestration akin to symphony music; a giant step forward for the band. Clarinets, mandolins, cellos, glockenspiels, bass clarinets, xylophones, string quartets and many other instruments all integrate to create a sound world that will yield the listener infinite details on future listens. Sussman also contributes the Zappa-inspired and spacerock-tinged opener called "Terra Sancta", based on events surrounding the 9/11 attacks on The World Trade Center. This track also boasts Classical Indian influences, as well as a contemporary jazz-fusion sound that is unmistakably Frogg Cafe.

Lead Vocalist, keyboardist, and trumpet player Nick Lieto composed two tracks "Move Over, I'm Driving" and "From The Fence". Lieto's distinct style can be heard immediately and many Frogg Cafe fans will be thrilled to hear his two newest compositions, which are extremely well-thought out and expertly written. Lieto's enthusiasm for the music of J.S. Bach is imprinted into these pieces as the heavily contrapuntal scoring is both breathtaking and extremely intricate. Camiola's second contribution is in the 10-minute "Belgian Boogie Board", which began life as an unrecorded composition from his acclaimed avant-garde masterpiece Cardboard Amanda (1996 Liar Leaver Records). "Basically, it was an experimentation in orchestration and yields a new level of complexity for this band..." says Camiola on the composition which boasts a 28-page musical score consisting of roughly twenty-five different instruments.

Many additional instrumentalists were recruited to record this latest opus, including Andrew Sussman's father Steve Sussman on clarinet, Cardboard Amanda member Dee Harris on Indian Slide guitar and Tamboura, as well as fellow 10T artist Vessela Stoyanova from Fluttr Effect. Frogg Cafe Trombonist John Lieto adds his prodigious chops to "Bateless Edge" in many places as well.

Violinist, mandolinist, producer, and engineer Bill Ayasse has undoubtedly created his finest sonic work to date with "Bateless Edge". The standard of excellence that Frogg Cafe fans have come to expect will be pleasantly surprised at the quality of sound and detail that the new work demonstrates. Bill Ayasse has spent (in his own words) "Hundreds of hours...and then many, many, many more!...." on Bateless Edge. Ayasse elaborates further "The playing of the band is at an all-time high, especially for drummer James Guarneiri. He drives each composition with a flair and intensity that many drummers will be envious of when they've heard the album. If you thought he was good before, wait until you hear the new album. It is safe to say that this is James' finest playing of his career."

The amazingly diverse masterpiece Bateless Edge will be available for pre-order on June 3, 2010 by 10T Records.

www.froggcafe.com

venerdì 21 maggio 2010

ANATHEMA - We're Here Because We're Here (2010)


Probabilmente tutti conosciamo i trascorsi degli Anathema e sappiamo che nel corso degli anni, il gruppo inglese, dal doom metal di partenza ha di molto ammorbidito la sua proposta musicale. E così We're Here Because We're Here continua questa fase, iniziata ormai dieci anni fa con Judgement, andando più a fondo con ballad malinconiche, sperimentali e psichedeliche allo stesso tempo, conservando sempre un pizzico di metal, sempre non invasivo.

La prima parte dell'album è davvero ben fatta e coinvolgente, dedicata a brani riflessivi che non rinunciano ad un sottile tocco di impetuosità elettrica. Thin Air, Summernight Horizon, Dreaming Light, Everything e Angels Walk Among Us sono tutte impostate su crescendo emotivi, belle melodie, nelle quali talvolta spiccano gli archi ad aggiungere più pathos. Presence può essere visto come un intermezzo che divide l'album a metà ed è nella seconda parte che We're Here Because We're Here perde un po' di mordente. Gli Anathema si gettano su composizioni più velleitarie e lunghe adottando la stessa formula, ma dando più spazio alla psichedelia. Nei loro otto minuti A Simple Mistake e Universal allungano più del dovuto delle idee alle quali ne sarebbero bastati quattro per essere compiute. Si salva parzialmente lo strumentale conclusivo Hindsight che, pur partendo con un arpeggio non originalissimo, ha una buona coda lisergica in odore di Pink Floyd.

Il difetto principale della seconda parte è che assomiglia un po' troppo ai Riverside e agli ultimi Porcupine Tree e Get Off, Get Out ne è un palese esempio. A tal proposito c'è da aggiungere che Steven Wilson ha mixato l'album, ma a questa informazione ci schiaffiamo un bel chissenefrega gigante dato che ormai il signor Wilson è coinvolto in ogni produzione prog-psych-metal recente e la sua presenza più che una sorpresa è divenuta una stancante consuetudine. Sarà mica colpa sua che tutti i gruppi con i quali finisce con il collaborare finiscono col somigliare ai Porcupine Tree? Stai a vedere che il ragazzo è anche un mago della pubblicità occulta!


www.myspace.com/weareanathema

giovedì 20 maggio 2010

MINUS THE BEAR - Omni (2010)


Come avevo già detto qualche post fa i Minus the Bear non mi hanno mai fatto impazzire. Con OMNI però sono riusciti a stupirmi, non perchè questo album sia chissà che, ma perchè è veramente un dischetto ben fatto e ben confezionato e di sicuro il migliore sfornato sinora dalla band. Tanto che, se qualcuno mi chiedesse da dove cominciare per conoscere i Minus the Bear, consiglierei OMNI senza esitazione.

Inoltre, dei Minus the Bear si può dire di tutto, possono piacere o no, ma non si può negare che la loro musica non sia riconoscibile e questo sicuramente è un pregio. Buona parte del loro tratto distintivo è l'uso di un suono che a me ricorda molto quello generato dal pedale Boss Pitch Shifter (per i non chitarristi parte il contributo audio, sono i primi 45 secondi).

Forse potranno far storcere il naso ai puristi del rock, perchè i Minus the Bear ai riff preferiscono il groove e agli accordi preferiscono una pratica dedita a creare sonorità simil-loop (molto vicine all'ambient). Già perchè non l'ho detto ma quella della band di Seattle è un originale mistura di elettronica, funk e alternative dalla quale sfocia un godibile pugno di canzoni disinvolte, piacevoli e ballabili (non mi voglio spingere a dire la parolaccia "dance").





domenica 16 maggio 2010

Dead Letter Circus - This is the Warning (2010)


E' uscito il 14 maggio This is the Warning degli australiani Dead Letter Circus, album d'esordio che arriva dopo due EP. Come i colleghi e conterranei Karnivool, Cog e The Butterfly Effect quello dei Dead Letter Circus è un metal melodico ad alto tasso emotivo e se volete avere un'idea della musica del gruppo l'album è in streaming in questo momento nella loro pagina MySpace.

www.myspace.com/deadlettercircus

sabato 15 maggio 2010

Frost* - The Philadelphia Experiment (2010)


I Frost* hanno annunciato la realizzazione del loro live The Philadelphia Experiment per il 1 giugno. L'album è un doppio CD (con il concerto registrato live al RosFest 2009, più l'inedito in studio di 17 minuti The Dividing Line) con in aggiunta un DVD con un documentario di 42 minuti sul backstage.
L'album può già essere preordinato sul sito www.frost-music.co.uk

CD1:
Intro
Hyperventilate
The Forget You Song
Wonderland
Falling Down
Black Light Machine
Experiments In Mass Appeal
Snowman
Story Time
Pocket Sun
Saline
Dear Dead Days

CD2:
Milliontown
The Other Me
The Dividing Line

venerdì 14 maggio 2010

The Dear Hunter - "Act I" e "Act II" in vinile

I The Dear Hunter pubblicheranno il 29 giugno Act I: The Lake South, The River North e Act II: The Meaning of, and All Things Regarding Ms. Leading in un'edizione limitata in triplo vinile.

Per quanto riguarda le altre news sulla band, Casey Crescenzo ha annunciato che durante l'estate i The Dear Hunter inizieranno a registrare i già annunciati 9 EP dedicati ai sette colori dello spettro visivo (più il bianco e il nero). Uno dei brani, Isabella, è stato suonato dal vivo dalla band il mese scorso.


mercoledì 12 maggio 2010

Demians - Mute (2010)


Il gruppo francese Demians ha annunciato che il nuovo album Mute uscirà il 28 giugno per l'etichetta InsideOut.

Tracklist:
1. Swing Of The Airwaves
2. Feel Alive
3. Porcelain
4. Black Over Gold
5. Overhead
6. Tidal
7. Rainbow Ruse
8. Hesitation Waltz
9. Falling From The Sun

http://www.myspace.com/demiansmusic

martedì 11 maggio 2010

PAIN OF SALVATION - Road Salt One - Ivory (2010)


Ok, nessuno dice che un artista durante la sua carriera non debba cambiare o rinnovarsi, in genere si chiama in causa anche la maturità artistica, ma solo in caso che ci sia un miglioramento, un cambio tale di prospettiva da fare impallidire il materiale precedente. Insomma credo che il pensiero e l’idea che una band, anche nel cambiamento, debba progredire nel suo percorso non sia poi così rivoluzionario o difficile da condividere. Questa premessa è necessaria in quanto non vorrei fraintendimenti quando dico che ascoltando Road Salt, pt.1 - Ivory c’è da rimanere come minimo sotto shock. In poche parole non vorrei passare per colui che critica sempre i cambi di rotta (come ho fatto per Porcupine Tree, The Mars Volta, Coheed and Cambria e Biffy Clyro) per lodare esclusivamente i vecchi lavori, facendo la parte dell’inguaribile nostalgico.

Il fatto è che anche i Pain of Salvation - ormai è chiaro - hanno passato il loro periodo d’oro. Dopo Scarisck si può tracciare una linea chiara nella carriera della band svedese che, dopo una serie incredibile (in crescendo) di album strepitosi, con Be si è aperta una fase minore che culmina ora su Road Salt, pt.1. Persino su Scarsick riuscivo a trovare qualcosa di buono, ma qui neanche l’ultima - e migliore - traccia del lavoro, Innocence, riesce a far emergere il talento della band. Staremo a vedere se a novembre con la seconda parte (Ebony) saremo smentiti (ma non credo), per il momento però a noi interessa questo album. I Pain of Salvation hanno gettato tutto ciò che li rendeva un gruppo progressive metal originale: le complicate ritmiche e polifonie vocali, i cambi tematici, l’aggressività abrasiva ma sempre costantemente melodica. Allora cosa si trova su Road Salt - Ivory ? Molto lapidariamente: uno scontatissimo hard rock blues che va dalla sinuosa No Way alle più classiche e aderenti al genere She Likes to Hide e Tell Me You Don’t Know, fino a tutto il corollario di musica nera che ne consegue, dal gospel da preghiera raccolta di Of Dust, alla marcetta di valzer in stile The Dear Hunter di Sleeping Under the Stars.

In pratica sembra che Gildenlöw e compagni si siano fatti una cura ricostituente nel delta del Mississippi e abbiano riportato tutto in Svezia. Anche se ci sono dei sobbalzi elettrici (c’è la già conosciuta Linoleum e la sua gemella Darkness of Mine), i brani sono fondamentalmente della ballad blues lamentose e oscure (e non parliamo della narcotica title-track), raggiungendo preoccupanti picchi depressivi su Sisters. E così, per dire, anche la produzione ha subìto un calo considerevole: i suoni sono molto secchi, sporchi e pure le proverbiali trame stratificate del gruppo sono scompare, ma sinceramente, sentendo il prodotto finale e il suo indirizzo, probabilmente il tutto è frutto di una scelta ben precisa. Quindi se questa deve essere la fase “matura” dei Pain of Salvation mi dispiace ma non ci sto e passo la mano.

www.myspace.com/painofsalvation

giovedì 6 maggio 2010

Per la serie "i successori di..."

...ho il piacere di presentarvi due album usciti l'anno scorso.
Il minimo comune denominatore dei due gruppi presentati è il palese richiamo a delle ben precise coordinate di ispirazione post hardcore.

I primi e più interessanti Tubelord, con Our First American Friends, si rifanno ai Biffy Clyro. L'album è davvero eccellente, questo trio di Kingston ha delle ottime idee melodiche che non cedono neanche nei momenti più concitati, i brani sono ricchissimi di cambi tematici e trasudano talento e una verve straripante. Se continueranno così, il futuro dei Tubelord è da segure con la massima attenzione.

www.myspace.com/tubelord



I Meet Me in St. Louis, con Variations on Swing, sembrano invece una copia creata in laboratorio degli At the Drive-In con tutti i difetti che ciò comporta (poca personalita, nessun sentimento e molta confusione)

www.myspace.com/meetmeinstlouis


This Town Needs Guns


Volevo segnalare questa band di Oxford autrice di un math rock che sembra un incrocio tra i Six Gallery e una versione cervellotica degli Anathallo (almeno a me hanno dato questa impressione).
All'indirizzo di seguito potete ascoltare tutto l'album Animals in streaming (e nei link ci sono anche altri EP) http://thistownneedsguns.bandcamp.com/album/animals

www.myspace.com/thistownneedsguns

martedì 4 maggio 2010

School Of Seven Bells - Disconnect from Desire (2010)


Questa è la copertina del nuovo album dei School of Seven Bells che uscirà il 12 luglio. Disconnect from Desire è il secondo lavoro del trio composto dall'ex Secret Machines Benjamin Curtis (qui anche produttore) e dalle gemelle Alejandra e Claudia Deheza.

Tracklist

01 Windstorm
02 Heart Is Strange
03 Dust Devil
04 I L U
05 Babelonia
06 Joviann
07 Cammarilla
08 Dial
09 Bye Bye Bye
10 The Wait





www.myspace.com/schoolofsevenbells

domenica 2 maggio 2010

Il nuovo DVD dei Cog





Track Listing
DVD
COG - The Sound Of Three - 12 Years With You - Documentary
Paris, Texas - Video
Open Up - Video
Run - Video
My Enemy - Video
What If - Video
Bird Of Feather - Video
Are You Interested - Video
Doors - Live
The Movies Over - Live
Are You Interested - Live
Say Your Last Goodbye - Live
Silence Is Violence - Live
Moo - Live
Sharing Space - Live
Swamp - Live
How Long - Live
Resonate - Live
What If - Live
Bird Of Feather - Live
Problem Reaction Solution - Live

CD
Doors - Live
The Movies Over - Live
Are You Interested - Live
Say Your Last Goodbye - Live
Silence Is Violence - Live
Moo - Live
Sharing Space - Live
Swamp - Live
How Long - Live
Resonate - Live
What If - Live
Bird Of Feather - Live
Problem Reaction Solution - Live