domenica 13 dicembre 2009

The Best of 2009

Pensavo di postare più avanti questa classifica, poi mi sono accorto che ne esiste una altrettanto importante da redigere prima della fine dell'anno e cioè quella dei migliori album del decennio (che, spero, seguirà a breve). Quindi ho anticipato il best del 2009 per concentrarmi sull'altra.
Per ogni album presente in questa lista ho fatto una recensione durante l'anno, quindi non mi dilungherò più di tanto. Se voleste saperne di più potete cercare la recensione nel blog.


19.Closure in Moscow - First Temple
L'album magari non sarà nulla di trascendentale...ma Night at the Spleen è superba!












18.Mike Keneally - Scambot 1
Mooooolto sperimentale.











17.Into It. Over It. - 52 Weeks












16.Mew - No More Stories...
Far passare 4 anni dall'album che ti lancia a livello internazionale sono un po' troppi. Mi sembra che i Mew abbiano rimuginato eccessivamente sopra questo lavoro, cercando di tracciare strade più complesse. A tratti confuso e anche meno avvincente del loro solito.











15.The Dear Hunter - Act III: Life and Death
Stesso discorso dei Mew. Mi è piaciuto ma non mi ha convinto fino in fondo. Dei tre atti è quello più debole.













14.Umphrey's McGee - Mantis
Niente male!












13.Lyle Workman - Harmonic Crusader
Uno dei migliori album strumentali prodotti ultimamente.












12.Beardfish - Destined Solitaire
Debordante e pantagruelica abbuffata di progressive












11.Thrice - Beggars
Semplice e diretto, ma anche un'intensa intepretazione emotiva della band.












10.Jeremy Enigk - OK Bear
Quando saranno riconosciuti i giusti meriti artistici a questo grande cantautore sarà sempre troppo tardi.












9.As Tall As Lions - You Can't Take It With You
Questo album ha il pregio di avere tre o quattro canzoni che sono tra le cose migliori dell'anno, davvero azzeccate. Il livello generale però vola tra alti e bassi.












8.Sucioperro - Pain Agency
Epico!












7.Karnivool - Awake
Questa band australiana è stata una rivelazione. Non avrei mai creduto che dopo Themata avrebbere tirato fuori un lavoro così maturo. Non c'è un brano fuori posto, ogni traccia ha qualcosa da dire. Veramente notevole.












6.IZZ - The Darkened Room












5.Big Big Train - The Underfall Yard












4.Kevin Gilbert - Nuts
Kevin Gilbert raggiungerebbe i posti alti della mia classifica anche con un album di cover. Questi sono canzoni più semplici del solito, ma il suo genio è indiscutibile.











3.Kevin Gilbert - Bolts
Vedi Nuts.












2.Dredg - The Pariah, The Parrot, The Delusion
Un disco che mi ha coinvolto sia per le musiche, sia per le tematiche da me ampiamente condivise.












1.maudlin of the Well - Part the Second
Se un CD viene riconosciuto album dell'anno non è sempre detto che sia un capolavoro, ma questa volta non mi sento di escluderlo. Questa volta un CD ha conquistato entrambe le categorie: Part the Second è sia un capolavoro, sia l'album dell'anno.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...