martedì 26 maggio 2015

Town Portal - The Occident (2015)

 
Personalmente ritengo che il post rock sia morto da un pezzo e, anche se non lo fosse, è un genere che non ha saputo rinnovarsi a causa di troppi artisti fotocopia e ad un perimetro musicale limitato, ripetitivo e rinchiuso in un campionario di poche idee. Ecco perché, senza esagerare, definirei il secondo album in studio del trio danese Town Portal, The Occident, spettacolare. La sua potenza è pari solo alla sua variegata freschezza con la quale un album strumentale può dirsi riuscito.

Non è facile iniettare tanto vigore e fermento in un album di questo tipo, ma i tre musicisti spingono al massimo sulle loro peculiarità - Christian Henrik Ankerstjerne con i suoi arpeggi elettroacustici sbilenchi, Morten Ogstrup Nielsen dal basso distorto, rotondo e tagliente come una lama di machete, Malik Breuer Bistrup che spinge nei tamburi con forza calorosa - e ricavano da The Occident un monumento alla dinamica e alla potenza. Raramente mi faccio coinvolgere da album di questo genere, però i Town Portal affascinano proprio perché non danno niente per scontato. Riff asciutti, ma imprevedibili e collegati a ritmiche complesse sono la cifra stilistica del gruppo: troppo complessi per essere post rock, troppo lineari per rinchiuderli nel math rock. Sono solo i Town Portal.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...