sabato 27 novembre 2010

SANGUINE HUM - Diving Bell (2010)


Riassunto delle puntate precedenti:

Joff Winks e Matt Baber sono un duo dalle belle speranze proveniente da Oxford che riesce a far maturare negli anni (dal 2003) la bellezza di tre progetti paralleli. Con i tre EP sotto il nome Antique Seeking Nuns si creano una reputazione come autorevoli prosecutori della scuola di Canterbury; con la Joff Winks Band vi restano appigliati con una formula più leggera ma ugualmente intrigante; con Nunbient seguono le strade elitarie e meno battute della ambient music. Di questi tre meravigliosi progetti ho già riferito nel blog e magari, per chi ancora non li conoscesse, è obbligatorio un ascolto.

Winks e Baber hanno finito per disgregare i tre progetti e convogliarli in quest'unico chiamato Sanguine Hum. Diving Bell è la prima uscita ufficiale della band e, anche se Baber e Winks hanno deciso di presentarsi con un nuovo nome, il suono finisce per trattenere e attraversare le molte delizie canterburiane generosamente elargite da Antique Seeking Nuns e Joff Winks Band. L'intento dei Sanguine Hum sembra quello di calibrare ed equilibrare sia gli elementi progressive, sia quelli derivati da soluzioni tematiche e strutturali più dirette. Quest'ultimo fattore è dato da un andamento formale per larga parte classico, senza l'obbligatoria pletora di cambi, ma ciò in cui eccellono i Sanguine Hum è la fantasia degli arrangiamenti che rende queste canzoni dei piccoli gioielli.

Le gentili arie da pop intellettuale alla Caravan o Hatfield & the North, sempre alla ricerca di melodie raffinate, ma non scontate, riaffiora in The Ladder, si impossessa di Dark Ages e si propaga nelle emanazioni quasi fusion della title-track dove, neanche a dirlo, il piano elettrico ne costituisce l'ossatura. Le atmosfere cullanti della ballad in Nothing Between Us sono talmente romantiche che anche i progressivi innesti elettronici di tastiere e batteria programmata non tolgono quel pathos che dona calore al pezzo.

A rendere ancora più esaltanti le tracce c'è l'egregio lavoro della sezione ritmica composta da Paul Mallyon (batteria) e Brad Waissman (basso) che aggiungono quella giusta cifra di complessità sfogata nella strumentale Coast of Nebraska, che è forse quella che ritorna con maggior evidenza sui passi degli Antique Seeking Nuns. Oppure che dire di There's No Hum, veloce e sostenuta, perfetto esempio riassuntivo delle due anime dei Sanguine Hum.

Il gruppo tenta qualcosa di diverso dal passato nelle due tracce No More Than We Deserve (posta in apertura) e The Trial che fanno un uso più disinvolto di chitarre elettriche, involuzioni progressive e una decisa apertura verso soluzioni più personali. Della validità di Joff Winks e compagni ci eravamo già accorti in passato, si spera ora che con i Sanguine Hum conseguano i giusti riconoscimenti che gli spettano.

Troopers For Sound

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...