mercoledì 3 luglio 2013

Classifica di metà anno - un bilancio provvisorio

Dato che in molti stanno già tirando le somme di metà anno in musica, mi è venuta voglia di buttare giù una classifica provvisoria anche a me. Sarò conciso e, al contrario della classifica di fine anno, ne approfitto per aggiungere anche le delusioni arrivate sinora. E aggiungo che mai come in questo momento tale classifica è precaria, dato che in poco più di un mese vedranno la luce importanti uscite come Karnivool, The Reign of Kindo e Dead Letter Circus, destinate a raggiungere posti considerevoli, a meno che non vi siano clamorosi scivoloni s'intende. Per chi volesse tenere d'occhio la mia personale classifica (con relativi commenti agli album) anche nei prossimi mesi ricordo di visitare il Best of 2013 sempre disponibile su RYM.
Infine, anche se credo non ce ne sia bisogno, ricordo inoltre che tale classifica, nonostante il blog si occupi principalmente di progressive rock, non è relegata esclusivamente a tale genere, ma comprende e abbraccia anche gli altri generi come è giusto che sia.

I migliori album del 2013 ascoltati finora:

1. Disperse - Living Mirrors
2. Stellar Young - Everything at Once
3. The Dear Hunter - Migrant
4. Owen - L'ami du Peuple
5. HRVRD - From the Bird's Cage
6. Big Big Train - English Electric - Part 2
7. Coheed and Cambria - The Afterman: Descension
8. Steven Wilson - The Raven That Refused to Sing
9. Paramore - Paramore
10. Sound of Contact - Dimensionaut

Gli album che anche se non sono tra i primi dieci meritano comunque di essere menzionati (in ordine sparso):

Everything Everything - Arc
Sharks Took the Rest - Too Late for Logic
The Trophy Fire - Directions for Daylight
Jaga Jazzist - Live with Britten Sinfonia
Owel - Owel
Not a Good Sign - Not a Good Sign

Le delusioni (in ordine sparso):

Amplifier - Echo Street
TesseracT - Altered State
Bosnian Rainbows - Bosnian Rainbows
Leprous - Coal
Arcane Roots - Blood & Chemistry
Riverside - Shrine of New Generation Slaves
Tera Melos - X'ed Out
Motorpsycho - Still Life with Eggplant
Spock's Beard - Brief Nocturnes and Dreamless Sleep

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai scritto "Arcade Fire" invece di "Arcane Roots"... Poi se anche gli Arcade Fire si dimostreranno una delusione lo vedremo con l'uscita (a breve) del loro prossimo album. Per il resto la classifica mi sembra ben fatta, anche se, a mio parere, in questi sei mesi non vi sia stato nemmeno un segno dei grandi capolavori dell'anno scorso. Comunque staremo a vedere.

Lorenzo Barbagli ha detto...

Ooops! Grazie per la segnalazione, ho appena corretto. Ho sempre il lapsus tra questi due nomi (Arcane/Arcade e in più il loro primo EP si intitolava "Left Fire"). Comunque poco cambia, gli Arcade Fire anche se devono ancora uscire li metto tra le delusioni sulla fiducia :-).
Per il resto concordo con te riguardo alla qualità generale delle uscite.

ianluPVO ha detto...

beh il disco dei Disperse è moooolto molto bello. Vedo un unica defezione, se così si può chiamare: manca il secondo capitolo di Audio Guide To Happiness dei Jolly, che non è sicuramente un capolavoro ma forse lì in mezzo ci può stare. A proposito delle delusioni, sottolineerei Coal dei Leprous, che a me è sembrato un passio indietro degno dei peggiori opeth (quelli post-blackwater park).
Comunque avanti così Lorenzo perchè senza il tuo blog mi perderei l'80% delle uscite che mi interessano ^_^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...