martedì 3 febbraio 2009

GRAMMATICS - s/t (2009)

Un'altra anteprima. Questa volta è un debutto, un gustoso debutto. Uno di quelli destinati a fare un pò di rumore, dato che sta già mietendo consensi presso i maggiori magazines britannici (la webzine audioscribbler gli ha assegnato nientemeno che 10/10). Ma si dovrà attendere marzo per l'uscita ufficiale di Grammatics.
Il leader del gruppo (originario di Leeds) è l'efebico Owen Brinley (voce, chitarra), proveniente dai Colour of Fire, gli altri sono Emilia Ergin (violoncello), Dominic Ord (batteria) e Rory O’Hara (basso).
Anche se la musica dei Grammatics è stata definita di volta in volta art rock, post-pop, progressive pop, si sente intimamente un legame radicato nel pop inglese più convenzionale (si senta l'arpeggio vagamente beatlesiano di Swan Song). Stesse inclinazioni a toni melodrammatici (Pulp), stesse coordinate glam (Suede, David Bowie), solo che i Grammatics ci aggiungono dei tocchi emo-prog che li distinguono sicuramente dalla massa del mainstream pop.
Alcuni brani di Grammatics erano già usciti come singoli e anche come video.
Ad esempio le due opener Shadow Commitee e D.I.L.E.M.M.A si possono già ascoltare sul web. Entrambi notevoli esercizi di pop cervellotico, un gioco che si espande, toccando l'altro singolo The Vague Archive, e raggiunge l'apice sulla perfetta trasversalità emopop di Rosa Flood.
Brinley è il protagonista assoluto con la sua voce da cantante glam che non disdegna il falsetto e la sua chitarra che può essere schizofrenica e remissiva allo stesso tempo.
Sicuramente un dieci su dieci è esagerato, ma Grammatics è un esordio a tratti irresistibile.

1 commento:

Felipe ha detto...

I didn't know them. It was a grat surprise. You should give a try at this bands also:

Across the Delta
Klimt 1918
Codeseven
Clann Zu
Rishloo

(if you don't find them anywhere just mail me and I can send you some songs)

I liked your blog. I was searching some site that had the kind of bands that I listen.

Felipe