lunedì 10 novembre 2014

Due colpi da maestro per Dan Tompkins: Piano "Salvage Architecture" e Skyharbor "Guiding Lights"

Se quest'anno volete ascoltare qualcosa che unisca post hardcore, metal o djent di qualità e che esca dai canoni della norma, potete rivolgervi a delle uscite che hanno tra loro un comune denominatore. L'irrequieto (artisticamente) vocalist Dan Tompkins, che si muove agilmente tra un progetto e l'altro, è famoso per la sua militanza nei TesseracT (nei quali è rientrato da poco dopo averli lasciati all'indomani del primo album One) e nei Skyharbor. Ma il ragazzo ha accumulato altre apparizioni degne di nota. Pochi sanno che già nel 2008 aveva esordito su The Valediction of Verse, secondo EP dei Piano, band inglese sotto contratto con l'etichetta giapponese Zestone Records. A distanza di ben sei anni da quell'EP è uscito Salvage Architecture, primo full length dei Piano, ovvero Dan Tompkins, Ciaran Cahill (batteria), Jeremy Mortimer (chitarra, voce) e Christopher Haywood (basso, voce), mixato e masterizzato dal chitarrista degli Skyharbor Keshav Dhar.

Click Here for Salvage Architecture full stream 

Ho molto apprezzato l'ibrido stilistico che i Piano operano su Salvage Architecture, quasi post hardcore con appena un'ombra di djent. Non è propriamente prog metal, chiamatelo atmospheric metal, post metal oppure ambient metal, ma i Piano si vanno a incasellare in un'area effimera come gli impalpabili paesaggi sonori che sanno creare. Non aspettatevi grandi virtuosismi, il gruppo punta su un sound compatto che predilige l'instaurazione di atmosfere melodrammatiche, spaziose ed evocative, forse solo un po' penalizzate da una produzione con l'insieme del sound in un amalgama leggermente offuscato.


A meno di due mesi di distanza è appena stato pubblicato il secondo album dei succitati Skyharbor, Guiding Lights. Devo dire che non sono stato un fan del precedente Blinding White Noise: Illusion & Chaos e, forse, proprio per questo Guiding Lights mi ha sorpreso positivamente per la sua svolta. A parte il gradito abbandono da parte di Tompkins delle cosiddette harsh vocals, l'album è un possente catalizzatore di melodie prog metal che unisce tecnicismi e ambient atmosferico con lo stesso equilibrio. La prima traccia Allure, ad esempio, contrappone ad una prima parte energetica, una seconda molto spaziale ed eterea. Ma il valore aggiunto di Guiding Lights è di non sconfinare mai nell'esagerazione e nelle trappole pacchiane del genere, pur mantenendo un alto livello di riff brutalmente djent. Ciò accade, tipo su Evolution e alla bellissima Kaikoma, grazie ad un alone quasi mutuato dall'AOR che attenua la pesantezza del metal in favore di progressioni melodiche molto suggestive.
Questo post cumulativo è per dire che le produzioni di Tompkins di quest'anno raggiungono tranquillamente l'eccellenza. Due album da non perdere.



Bonus Track;
Altro gruppo nel quale in passato ha militato Tompkins sono i First Signs of Frost con i quali pubblicò il solo Atlantic nel 2009 sempre per la giapponese Zestone Records. Anche se è un vecchio disco, lo voglio citare a margine di questi due album dato che l'ho scoperto questa estate ed è diventato uno degli album che sto ascoltando di più in questo momento.
Atlantic non ebbe purtroppo i riconoscimenti che si meritava. Invece fu un primo mirabile esempio di come post hardcore, djent e progressive metal potevano interagire. Ogni brano di Atlantic potenziava i riff post hardcore con il tecnicismo del progressive, in più, le maestose melodie, si intrecciavano nei cumuli atmosferici del djent. Tompkins si lasciava andare a brutalità vocali hardcore, oppure più spesso abbracciare armonie epiche.
In un certo senso lo vedo come un precursore di Salvage Architecture.




Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...