domenica 20 febbraio 2011

Esempi musicali - Capitolo II

- UNIVERS ZERO + PRESENT - JACK THE RIPPER (Finale)

Il gemellaggio di queste due band (il cui trait d'union è il chitarrista Roger Trigaux) mi pare l'ideale per aprire gli esempi dedicati al secondo capitolo. In più il brano Jack the Ripper, oltre ad essere un classico degli Univers Zero (tratto da Heresie), è stato reintepretato dai Present nel loro album del 2009 Barbaro (ma non troppo). Qui viene riportata solo la parte finale del pezzo, quando le tensioni del brano vengono a galla, ma ciò è più che sufficiente per capire come suona un ensemble rock neoclassico. Musica da camera suonata con sensibilità jazz, o musica classica suonata con l'aggressività del rock. A voi la scelta.




- BIRDSONGS OF THE MESOZOIC - TRANSFORMATION OF OZ

Questa band fu a suo modo seminale per capire il sottile legame che correva tra avant-garde e post punk. Transformation of Oz appartiene al primo omonimo EP del gruppo, quando la formazione contava ancora tra le proprie fila Roger Miller e Martin Swope, non a caso entrambi provenienti dalla band post punk Mission of Burma. Nel video del pezzo si può già ammirare l'approccio anarchico nei confronti della materia progressiva, destrutturando neoclassicismo contemporaneo e colta elettronica. Il risultato pare frutto di una improvvsazione caotica e dissonante, ma in verità c'è più metodo e organizzazione di quello che sembra.




- U TOTEM - HOT & COLD FROG

Anche qui si parla di un gemellaggio: quello tra 5uu's e Motor Totemist Guild due band che si fusero e andarono a formare gli U Totem. Il pezzo in questione appartiene al repertorio dei 5uu's, contenuto nel singolo del 1986 Bar Code. Questa accozaglia di temi strambi tenuti assieme dalla perizia percussiva di Dave Kerman mette l'accento su una particolarità comune alle band prese qui in esame. Il fatto cioè che il leader o il punto centrale dei gruppi dell'avant-prog dei tradi anni '70/primi anni '80 fosse il batterista/percussionista. Oltre a Kerman si possono citare Daniel Denis degli Univers Zero e Thymme Jones dei Cheer-Accident. O comunque c'è una forte propensione nel dare risalto alle ritmiche anche con altri strumenti: il piano tribale nei Birdsongs of the Mesozoic, oppure il classico uso del fagotto sia qui che negli Univers Zero e Art Zoyd, forse proveniente dal retaggio lasciato da Lindsay Cooper degli Henry Cow.




- CHEER-ACCIDENT - GARISH. FAILURE + SMILE

I Cheer-Accident sono la band più anomala del R.I.O. americano, in quanto hanno riversato all'interno di esso una forte influenza hardcore, grunge e post rock. In questo sono stati discendenti diretti della scena indie americana degli anni '80, ma con uno spiccato e alquanto singolare gusto zappiano-progressivo. La loro singolarità mi ha convinto a postare 2 esempi molto diversi l'uno dall'altro. Il video di Garish. Failure parte con l'aggressività del R.I.O. moderno e ci attacca la ballata pianistica Failure, tanto somigliante alle cose del Robert Wyatt di Ruth is Stranger Than Richard. Il secondo brano è Smile, una canzone che mi verrebbe da catalogare come progressive popcore, che non ha nulla a che fare con l'avant-prog, ma l'ho voluta includere ugualmente per smorzare tanta serietà.




Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...